non c’è

Progetta uno dei molti finali del suo libro in concluso, e lascia uno schizzo. La pagina contiene una sola frase: “In fondo sapevo che non si può andare al di là perché non c’è.” La frase è ripetuta lungo tutta la pagina, dando l’impressione di un muro, di un impedimento. Non ci sono né punti né virgole né immagini. Effettivamente un muro di parole che illustrano il significato della frase, il cozzo contro una barriera dietro la quale non c’è niente. Ma verso il basso e a destra, in una delle frasi manca la particella c’. Un occhio sensibile scopre il vuoto fra i mattoni, la luce che passa.

Cortàzar

non c’èultima modifica: 2004-05-13T22:19:44+02:00da hasteryon
Reposta per primo quest’articolo

3 pensieri su “non c’è

  1. E’ nelle contraddizioni che a volte si trova la strada verso la luce. No non sono pericolosi quei viaggi. Non sono pericolosi quando sai dove vuoi arrivare e quanto siano riposanti per il corpo la mente e l’anima. E’ uno dei pochi se non l’unico sistema che conosco per uscire da alcuni stati di tensione acuta.

Lascia un commento